Gli strumenti della geografia  
Geografia vuol dire descrizione della terra: è una scienza antica perché da sempre è utile - spesso indispensabile - conoscere i luoghi lontani.

I primi geografi furono i Greci,e proprio dal greco viene il nome di geografia: ghè vuol dire terra e grafìa vuol dire descrizione.

La geografia  non descrive solo la superficie della terra (monti, fiumi, pianure), ma anche le attività umane. Per questo motivo distinguiamo due tipi di geografia: la geografia fisica e la geografia umana (o geografia antropica, dal greco anthropos=uomo) .

Per descrivere la terra però spesso le parole non bastano: si usano quindi degli strumenti particolari, alcuni d'uso abbastanza comune, altri meno.  Come tutte le carte realizzate dagli arabi, nell'originale risultava rovesciata, col sud in alto ed il nord in basso. Noi, per renderla più leggibile, l'abbiamo capovolta.  



La seconda carta è più precisa (infatti e del 1482) ma è anche meno leggibile. Le coste sono appena delineate, ma su di esse sono segnati con gran cura i nomi di tutti i paesi e le città  che si affacciano sul mare. Questa infatti è una carta nautica, o meglio, come si diceva allora, un portolano (appunto, una mappa dei porti). Le linee rette che traversano il mare sono le rotte  che le navi dovevano seguire. Questa carta segue l'usanza ormai divenuta generale, di mettere il nord in alto.                

 







  


         

Licensed under the Creative Commons Attribution Non-commercial 3.0 License
Libro di Geo